Fernando Di Leo, glorious bastard